Read Let Me Go by Helga Schneider Free Online


Ebook Let Me Go by Helga Schneider read! Book Title: Let Me Go
The author of the book: Helga Schneider
Edition: Penguin Books
Date of issue: August 30th 2005
ISBN: 0143035177
ISBN 13: 9780143035176
Language: English
Format files: PDF
The size of the: 12.43 MB
City - Country: No data
Loaded: 2986 times
Reader ratings: 4.1

Read full description of the books:



Unforgettable and deeply arresting, Let Me Go is a haunting memoir of World War II that "won't let you go until you've finished reading the last page" (The Washington Post Book World). In 1941, in Berlin, Helga Schneider's mother abandoned her along with her father and younger brother. Let Me Go recounts Helga's final meeting with her ailing mother in a Vienna nursing home some sixty years after World War II, in which Helga confronts a nightmare: her mother's lack of repentance about her past as a Nazi SS guard at concentration camps, including Auschwitz, where she was responsible for untold acts of torture. With spellbinding detail, Schneider recalls their conversation, evoking her own struggle between a daughter's sense of obligation and the inescapable horror of her mother's deeds.


Download Let Me Go PDF Let Me Go PDF
Download Let Me Go ERUB Let Me Go PDF
Download Let Me Go DOC Let Me Go PDF
Download Let Me Go TXT Let Me Go PDF



Read information about the author

Ebook Let Me Go read Online! Nasce nel 1937 in Slesia (territorio tedesco che dopo la seconda guerra mondiale sarà assegnato alla Polonia). Nel 1941 Helga e suo fratello Peter, rispettivamente di 4 anni e 19 mesi, con il padre già al fronte, vengono abbandonati a Berlino dalla madre, che arruolatasi come ausiliaria nelle SS diverrà guardiana al campo femminile di Ravensbruck e successivamente di Auschwitz-Birkenau.
Helga e Peter vengono accolti nella lussuosa villa della sorella del padre, zia Margarete (dopo la guerra morirà per suicidio), in attesa che la nonna paterna arrivi dalla Polonia per occuparsi dei nipoti. La donna accudisce i bambini per circa un anno nell'appartamento situato a Berlin-Niederschönhausen (Pankow), dove i piccoli avevano vissuto in precedenza con i genitori.
Durante una licenza dal fronte, il padre conosce una giovane berlinese, Ursula, e nel 1942 decide di sposarla. Ma la matrigna accetta solo il piccolo Peter e fa internare Helga prima in un istituto di correzione per bambini difficili, e poi in un collegio per ragazzi indesiderati dalle famiglie, o provenienti da nuclei familiari falliti.
Dal collegio, che si trova a Oranienburg-Eden, presso Berlino, nell'autunno del 1944 la zia acquisita Hilde (sorella della matrigna) riconduce Helga in una Berlino ormai ridotta a un cumulo di rovine e macerie. Dagli ultimi mesi del 1944 fino alla fine della guerra, Helga e la sua famiglia sono costretti a vivere in una cantina a causa dei continui bombardamenti effettuati dagli inglesi e dagli americani, patendo il freddo e la fame.
Nel dicembre del 1944 Helga e suo fratello Peter, grazie alla zia Hilde collaboratrice nell'ufficio di propaganda del ministro Joseph Goebbels, vengono scelti, insieme a molti altri bambini berlinesi, per essere "i piccoli ospiti del Führer", null'altro che un'operazione propagandistica escogitata da Goebbels, che li porterà nel famoso bunker del Führer dove incontreranno Adolf Hitler in persona, descritto dalla scrittrice come un uomo vecchio, dal passo strascicato, con la faccia piena di rughe e la stretta di mano molle e sudaticcia.
Nel 1948 Helga e famiglia rimpatriano in Austria stabilendosi in un primo momento ad Attersee, accolti dai nonni paterni. Dal 1963 Helga vive in Italia dove ha pubblicato molti libri.
Nel 1971, venuta a sapere dell'esistenza ancora in vita della madre che l'aveva abbandonata, sente il desiderio di andarla a visitare a Vienna dove la donna vive. Scoprirà che la madre, dopo 30 anni, non ha rinnegato nulla del suo passato, di cui conserva orgogliosamente come caro ricordo la divisa di SS che vorrebbe che Helga indossasse e alla quale vuole regalare gioielli, di dubbia provenienza. Stravolta da quell'incontro, tuttavia Helga vorrà, con non diversi risultati, tornare a trovare la madre nel 1998. Da questo secondo incontro negativo e traumatico a causa della fede irriducibile della madre nell'ideologia nazista nasce il libro Lasciami andare, madre, uscito in Italia nel 2001.


Reviews of the Let Me Go


LOUIS

Another one-time book, but it was interesting.

MOHAMMED

Why is she out! It must be endless!

EVIE

The best ... And the most interesting, bright, fascinating ...

SONNY

You need to drive a phone number to protect against robots.

HARRIET

An interesting book, not like the other




Add a comment




Download EBOOK Let Me Go by Helga Schneider Online free

PDF: let-me-go.pdf Let Me Go PDF
ERUB: let-me-go.epub Let Me Go ERUB
DOC: let-me-go.doc Let Me Go DOC
TXT: let-me-go.txt Let Me Go TXT